NON sussiste violazione del principio di uguaglianza tra mediazione e negoziazione assistita. Lo stabilisce la Corte Costituzionale con la sentenza n. 97/2019

Stampa

Tutte inammissibili e non fondate le questioni sollevate di legittimità, sollevate con ordinanza iscritta al n. 62 r.o. 2018, dal Tribunale ordinario di Verona  – in riferimento agli art. 3 e 77, secondo comma, della Costituzione – questioni di legittimità costituzionale dell’art. 84, comma 1, lettera i), del decreto-legge 21 giugno 2013, n. 69 (Disposizioni urgenti per il rilancio dell’economia), convertito, con modificazioni, nella legge 9 agosto 2013, n. 98, nella parte in cui aggiunge il comma 4-bis, secondo periodo, all’art. 8 del decreto legislativo 4 marzo 2010, n. 28 (Attuazione dell’articolo 60 della legge 18 giugno 2009, n. 69, in materia di mediazione finalizzata alla conciliazione delle controversie civili e commerciali), nonché del comma 2 del medesimo art. 84.

La sentenza