• Registrati
    *
    *
    *
    *
    *
    Fields marked with an asterisk (*) are required.
Sei qui: Home

* Iscritto nel Registro Min. Giustizia con P.D.G. n. 24 del 29/01/2008
** Ente abilitato alla formazione per Conciliatore - Min. Giustizia con P.D.G. n. 22 del 21/09/2007 - certificato UNI EN ISO 9001:2008

Included in the list of Organisations Civil Justice ADR (european Code of Conduct for Mediators)

Mediazione Civile & Commerciale Organismo di conciliazione Elenco mediatori familiari Corsi formativi per conciliatori Albo arbitri Arbitrato Camera arbitrale Corsi formativi per arbitri A.N.P.A.R.

Spetta all'organismo la convocazione delle parti e non al mediatore.

E-mail Stampa PDF

In caso di mediazione delegata, all'atto della presentazione della domanda di mediazione, il responsabile dell'organismo è tenuto a verificare quali siano le parti del giudizio ed a trasmettere a ciascuna di esse la domanda e la data del primo incontro con ogni mezzo idoneo ad assicurarne la ricezione, anche a cura della parte istante, il mancato adempimento di tali formalità non può ritorcersi a danno della parte attrice, che avrà diritto ad un nuovo termine per la rinnovazione del procedimento. 

Chi ha visto nell’ordinanza pronunziata, in data 13 luglio 2016, dal Tribunale di Trapani della Dott.ssa Fiammetta Lo Bianco, una responsabilità del mediatore piuttosto che dell’organismo, ha male interpretato il pensiero del Giudice
Il mediatore durante il primo incontro chiarisce alle parti la funzione e le modalità di svolgimento della mediazione. Il mediatore, sempre nello stesso primo incontro, invita poi le parti e i loro avvocati a esprimersi sulla possibilità di iniziare la procedura di mediazione e, nel caso positivo, procede con lo svolgimento.
il mediatore non è abilitato a informare una  convenuta contumace della proposizione dell’istanza di mediazione e della data in cui sarebbe stata celebrata la prima adunanza in quanto spetta all’organismo di mediazione provvedervi, cosa che ha fatto il Giudice  nel rinnovo della procedura di mediazione assegnando all’attrice termine di 15 giorni per adire  l’organismo di mediazione (non il mediatore).
Nella specie va fatta un’altra considerazione: a che titolo il mediatore si sostituisce all’organismo, nella convocazione delle parti?
L’art. 14   lett. b) del D.Lgs fa obbligo al mediatore di  “informare immediatamente l'organismo e le parti delle ragioni di possibile pregiudizio all'imparzialità nello svolgimento della mediazione”. Questo è quello che avrebbe dovuto fare il mediatore. A questo punto nasce un sospetto: vuoi vedere che il mediatore è socio e/o amministratore  di quegli organismi di mediazione costituiti da avvocati  che generano, come affermato dal CNF, commistione di interessi?

(Pi.Gi)
 

L'ordinanza del Tribunale di Trapani

 

ULTIME NEWS

A.E.S.Crim

www.aescrim.it