11 Luglio 2012 – 17:36
(ASCA) – Roma, 11 lug – ”Per tanti anni abbiamo sentito annunciare in Parlamento riforme epocali e radicali della giustizia, senza aver mai visto niente di piu’ di qualche riformetta per pochi anziche’ per l’interesse del Paese. In pochi mesi questo governo ha fatto una riforma, sulla quale ci sara’ modo di confrontarsi in Parlamento, che ridisegnando la geografia giudiziaria restituisce un po’ di benzina al motore Italia”.

Cosi il segretario dell’Udc Lorenzo Cesa, aprendo i lavori del convegno ”la giustizia civile per la crescita e lo sviluppo del Paese” in corso alla Camera.

”La lentezza dei processi civili in Italia -ha detto Cesa- costa alle imprese quasi tre miliardi di euro l’anno.

Una cifra insostenibile in una fase difficile come quella che sta vivendo il nostro sistema economico. Una giustizia civile inefficiente e’ una giustizia imprevedibile: e quando manca la certezza del diritto il Paese perde competitivita’ e anziche’ attrarre investimenti all’estero finisce per respingerli. C’e’ urgenza di ammodernare la giustizia civile in Italia”. com-min