Al Signor Ministro della Giustizia
On. Angelino Alfano
Via Arenula, 70 – 00186 Roma
fax 06.68897951

Direzione Generale della Giustizia
Dott.ssa Maria Teresa Saragnano
Via Arenula, 70 –
00186 Roma
fax 06.68897768

Ministero della Giustizia
Ufficio legislativo
Dott.ssa Iannini
Via Arenula, 70 –
00186 Roma
Fax 06.68897531

PREMESSO:
•    che, l’Art. 2  Ambito di applicazione del D.M. 16-4-2010  –  Ministero della giustizia – Determinazione degli indicatori di anomalia al fine di agevolare l’individuazione di operazioni sospette di riciclaggio da parte di talune categorie di professionisti e dei revisori contabili,  definisce i soggetti  nei confronti dei quali, ncombono obblighi di segnalazione di sospette operazioni di antiriciclaggio (dottori commercialisti e degli esperti contabili, consulenti del lavoro, periti, consulenti, associazioni di categoria di imprenditori, commercianti, CAF, patronati,  notai e avvocati revisori legali dei conti);

•    che, l’ Art. 22 del D. Leg.vo n. 28/2010  fa obbligo  ai mediatori civili e commerciali di segnalare, per la prevenzione del sistema finanziario a scopo di riciclaggio e di finanziamento del terrorismo, operazioni sospette.

CONSIDERATO
•    che, l’associazione ANPAR, senza scopo di lucro,  pur essendo portatrice di interessi legittimi della quasi totalità della categoria dei mediatori  e/o conciliatori specializzati, “non è stata sentita”, quantunque sia in attesa da parte di questo Ministero dell’emanazione del decreto di riconoscimento quale associazione non regolamentata  ai sensi del  D. Leg.vo del 9 novembre 2007, n. 206 e del D.M. 28 APRILE 2008, in rappresentanza della categoria suddetta

VISTO
che, fra le categorie professionali di cui all’art. 2 del citato D.M. 16/04/2010 non figurano i mediatori civili e commerciali
CHIEDE
di sapere dalle S.V. Ill.me, se, i mediatori civili e commerciali e/o conciliatori specializzati,  sono obbligati o tenuti a segnalare le operazioni sospette di cui  al D. M.  16/04/2010, a prescindere da quanto previsto dall’art. 22 del D. Leg.vo  28/2010

Nell’attesa cordiali saluti.
Il presidente
Dott. Giovanni Pecoraro