Si e' svolto, venerdi'  8 marzo c.m.,  presso il ministero di Giustizia, un incontro tra il responsabile della redazione del  "libro verde sulla qualità' degli organismi di mediazione",  magistrato   dott. Giancarlo Triscari e il presidente dell'A.N.P.A.R. dott. Giovanni Pecoraro per chiarire ed inserire eventuali suggerimenti  utili, prima della stesura definitiva del libro.

"E' stato un incontro proficuo, utile, provvidenziale e interessante per entrambe le parti – dichiara il presidente Pecoraro che in settimana si appresta  a rafforzare  attraverso il questionario a suo tempo inviato quanto verbalmente  detto, in questo incontro.

"Abbiamo avuto un riscontro positivo da parte del dott. Triscari – aggiunge Pecoraro – il quale non si e' limitato ad ascoltare ma si è mostrato fin da subito collaborativo; in particolare, l'ANPAR ha ribadito che  e' l'unica associazione REGOLAMENTATA  avente i requisiti per la presentazione di proposte in materia di mediazione e di risoluzione alternative di controversie attraverso il ministro di Giustizia alla "piattaforma europea" di Bruxelles e che in tale veste  presentera' un progetto per   l'allargamento  della mediazione ad altri diritti disponibili. 
In merito al ripristino della obbligatorieta'  si e' in attesa della formazione del nuovo Parlamento al quale  ANPAR  presentera' la petizione  gia' sottoscritta da migliaia di cittadini per l'eliminazione dell'eccesso di delega rilevato dalla Consulta. Le firme sono state accorpate a quelle raccolte dagli  organismi che hanno aderito al comitato "FORMEDIA"  (consorzio degli organismi di formazione e mediazione).
"Il confronto dell'ANPAR con il Ministero  continua a portare benefici non solo agli agli organismi di mediazione e formazione che si contraddistinguono per la loro serieta' ma all'intera categoria dei mediatori".
Ufficio stampa
AIANNO