Da domani (20 marzo) mediazione obbligatoria anche per liti condominiali e incidenti stradali. Se ne parla a Bari in un convegno (oggi 21). Il presidente dell’ANPAR, Giovanni Pecoraro “La mediazione non è nemica dell’Avvocatura”

Da domani, 20 marzo, entra in vigore l’obbligatorietà del tentativo di conciliazione anche per le liti condominiali e le controversie in materia di risarcimento danni da incidenti stradali, due veri e propri fardelli per il sistema della giustizia italiana.

Per l’occasione l’ANPAR, Associazione Nazionale per l’Arbitrato e la Conciliazione, promuove a Bari un convegno che si terrà domani a partire dalle ore 16 presso l’hotel Excelsior. I percorsi conciliativi: strumenti e risorse di Giustizia, questo il tema su cui si confronteranno autorevoli operatori di Giustizia, abbracciando le tematiche della mediazione civile, commerciale e familiare, con particolare riguardo all’impulso del Giudice. L’evento rappresenta anche l’occasione per tracciare un primo bilancio dopo un anno dall’entrata in vigore dell’istituto della Mediazione civile e commerciale, ex d.lgs 28/10, che, definita da tutti una “rivoluzione culturale”, ha già visto canalizzare verso il mediatore un ampio flusso di contenziosi in materia di diritti disponibili così come elencati nell’art. 5.

Da domani – anticipa il presidente dell’ANPAR, Giovanni Pecoraro – si compirà un nuovo e decisivo passo verso una Giustizia più efficace e quindi più vicina alle esigenze dei cittadini. La mediazione, considerati i suoi tempi rapidi e i suoi costi contenuti, rappresenta davvero uno strumento e una risorsa per il nostro sistema giudiziario ormai al collasso. Non a caso, il ministro Severino, nonostante le ripetute azioni di protesta dell’Organismo Unitario dell’Avvocatura, non ha concesso proroghe all’estensione dell’entrata in vigore dell’obbligatorietà del tentativo di conciliazione per le liti condominiali e le controversie relative agli incidenti stradali. La mediazione – continua Pecoraro – non è nemica dell’avvocatura. Rappresenta piuttosto, soprattutto per i giovani professionisti, che soffrono maggiormente le conseguenze della crisi, un interessante e nuovo sbocco professionale”.

Il programma del convegno prevede:

introduzione di Marisa Cataldo, delegata ANPAR per la Puglia

gli interventi di:

Domenico Lenoci, formatore ANPAR su “La Mediazione: la scelta della obbligatorietà”;

Giovanna Di Bartolo, giudice esperto della Corte d’Appello di Firenze, consigliera GEMME su “La mediazione familiare transfrontaliera”;

Mirella Delia, giudice del Tribunale di Bari, su: “I profili processuali della prassi conciliativa integrata: l’esperienza di un giudice civile”;

Giovanni Stefanì, responsabile dell’organismo di Mediazione dell’Ordine degli Avvocati di Bari, su: “L’Avvocatura incontra la Mediazione: esperienze e prospettive”;

Claudio Burani, responsabile ufficio legale della Banca Popolare di Bari, su: “I modelli di ADR per la customer satisfaction nel contenzioso bancario”;

Michele Languino, delegato SNA – Sindacato Nazionale Agenti di Assicurazione – su: “Risarcimento danni da incidente stradale: dal liquidatore al mediatore”;

Gaetano Bux, responsabile ufficio legale APPC – Associazione Piccoli Proprietari di Case – sede di Bari, su: “Gli interventi di Mediazione in ambito locatizio e condominiale”;

Massimo Melpignano, “Mediatore del Cittadino” del Comune di Bari, su: “La Mediazione al servizio della cittadinanza”.

Le conclusioni saranno affidate al presidente dell’ANPAR, Giovanni Pecoraro. Seguirà dibattito.

La partecipazione al convegno è libera.

Bari, 19 marzo 2012 L’Ufficio Stampa