Dopo il 20 marzo 2011, basteranno  i circa 200  conciliatori/mediatori Calabresi a risolvere  le controversie degli iscritti agli enti convenzionati con l’organismo internazionale di conciliazione & arbitrato dell’A.N.P.A.R? Questa è la domanda rivolta  al presidente  responsabile del’ organismo internazionale di conciliazione & arbitrato, iscritto nel Registro tenuto presso il ministero di Giustizia, Dott. Giovanni Pecoraro.
La Regione Calabria afferma Pecoraro, grazie al fattivo apporto dei nostri delegati Provinciali in sintonia con il coordinatore Regionale Avv. Luigi Quintieri e dei  corsisti formatosi con il nostro ente formativo per diventare conciliatori/mediatori  hanno fatto sì che la regione Calabria diventasse la prima Regione per numero di convenzioni stipulate e di conseguenza sarà la prima anche  ad essere più pronta a deflazionare  il carico giudiziario attraverso la risoluzione  delle controversie extragiudiziali  per quelle materie il cui esperimento  del tentativo di conciliazione diventerà obbligatorio, e che se, non fatto è causa di improcedibilità al giudizio ordinario a partire dal 20 marzo 2011.
Le convenzioni stipulate con PROVINCIA DI CROTONE, COMUNE DI COTRONEI (KR), COMUNE DI LONGOBARDI(CS), STITUTO NAZIONALE DI ASSISTENZA AI CITTADINI  – I.N.A.C. (KR), CONFEDERAZIONE ITALIANA AGRICOLTORI – C.I.A. (KR), UNIONE PROVINCIALE LIBERI ARTIGIANI – U.P.L.A. (KR), CONFEDERAZIONE DELLE LIBERE ASSOCIAZIONI ARTIGIANE ITALIANE (KR), ASSOCIAZIONE CADUCEO – LAMEZIA TERME (CZ), C.I.S.L. CROTONE (KR), S.A.P. – SINDACATO AUTONOMO POLIZIA – (KR), C.O.I.S.P. PROVINCIALE (Coordinamento per l’Indipendenza Sindacale delle Forze di Polizia), CITTADINANZA ATTIVA- TRIBUNALE DEI MALATI (KR), COMUNE DI SAVELLI (KR), COMUNE DI CASABONA (KR), COMUNE DI CASTELSILANO (KR, SINDACATO U.S.L.I. (KR), CONSORZIO BONIFICA IONIO (KR, AMMINISTRAZIONE CONDOMINI (KR), COMUNE DI ROCCABERNARDA (KR)
A.I.G.A. (Associazione  Italiana Giovani Avvocati)  CROTONE, Associazione Nazionale marinai d’Italia  (A.N.M.I),CASA DI CURA “SAVELLI HOSPITAL” – U.G.L. – POLIZIA DI STATO – SADEL S.Teodoro casa di cura –  continua PECORARO stanno semplicemente a significare  che  la Calabria, il cui indice di litigiosità è molto alto,  crede nella mediazione civile e commerciale, per cui i  mediatori/conciliatori che saranno designati dall’organismo che rappresento, saranno chiamati a risolvere ogni tipo di controversia  per tutelare i diritti disponibili  di tutti.
Il vantaggio per i cittadini non è di poco conto, se, si tiene presente che non necessariamente  il cittadino  deve rivolgersi ad un avvocato, può contattare, per l’avvio di una  procedura conciliativa, per  chiarimenti e per consigli, senza oneri, ai nostri delegati provinciali e Comunali o  presentarsi presso un “ ufficio di prossimità”  ed una volta convinti  della bontà di conciliare di ricorrere alla mediazione ed avviare  l’iter procedurale. Questo è il sistema esportato, da ANPAR,  su tutto il territorio Nazionale e fra non molto anche transfrontaliero.  Uffici di conciliazione e mediazione sotto casa affidati per competenza, con molta responsabilità,  ai conciliatori/mediatori, formati da ANPAR.